parallax background

Una Storia Anche D’Amore

L’affondatore di gommoni
1 Gennaio 2003

Una storia anche d'amore


U na Storia Anche D'Amore" è il primo romanzo scritto da Francesco De Filippo e pubblicato nel 2001 da Rizzoli.

Questo libro naturalmente parla di una storia tra un uomo e una donna, è una storia difficile da definire, direi che l'autore ha riassunto nel titolo il nocciolo dell'opera, quella raccontata è una storia anche d'amore. I due protagonisti della vicenda sono Teodoro Faxa e Anita Dolores Del Gesù. Teodoro Faxa è un uomo sulla trentina che abbandona il suo paese per fare uno scherzo a sua madre, questo scherzo è architettato dallo zio di Teodoro, tale ragionier Camillo Ughetti, ma si capisce subito che questo era solo uno strampalato tentativo perfettamente riuscito perché il ragioniere ha una relazione con lo zio di Teodoro. E così, ingannato, Teodoro Faxa giunge a Maciullina, "piccolo paese all'ombra del Vesuvio" come lo definisce l'autore, in realtà è una località immaginaria. Anita Dolores del Gesù era una ragazzina conosciuta in tutto il paese come Alic', finchè non incontrò Augusto Diaz, che aveva il sogno di attraversare a piedi l'Africa per giungere nell'Antartico; questo ragazzo incontrò casualmente Alic' e la battezzò Anita Dolores del Gesù. La vicenda è ambientata in questo paese immaginario alle falde del Vesuvio, le prime pagine ci raccontano la dichiarazione d'amore fatta da Anita Dolores del Gesù a Teodoro Faxa e il resto della storia lo lascio a chi decidesse di leggerlo. In questo libro sono dati riferimenti temporali precisi, anzi precisissimi, ad esempio il libro inizia così: "Impiegò undici anni, quattro mesi e ventiquattro giorni per dirgli che lo amava." I riferimenti temporali sono fatti tutti a questo modo, con precisione svizzera si direbbe. Un'altra caratteristica di questo libro è la descrizione dei personaggi di questo paese, in questo mi sembra che l'autore ricalchi un po’ le orme del Giovanni Verga de "I Malavoglia". Ogni personaggio è tipizzato e statico (a parte i personaggi principali), e così abbiamo il giornalaio romagnolo Eduardo Matta, il barista schivo Tonino Di Stasio, la direttrice di una casa chiusa Antonella Salvemini, poi ancora Virginia Postiglione, vedova di un ricco signore che si masturba ogni sera nella sua stanza davanti ad un folto pubblico di guardoni appostati sul tetto della casa di fronte, Patrizio Borriello, un uomo che parla attraverso i movimenti di un'enorme sveglia, il direttore Alvaro Schiattarella, la donna della pulizie Adelina Varriale, il marito marinaio Totonno De Luca e tanti altri, ognuno presentato con le sue caratteristiche rilevanti e la propria storia raccontata nei minimi particolari. L'autore del libro è Francesco De Filippo, nato a Napoli nel 1960 e residente a Roma; questo è il suo primo romanzo.